Deutsch (DE-CH-AT)Italian - ItalyGreekPolish (Poland)English (United Kingdom)
Villaggi
Sigri


Molte persone raggiungono Sigri in auto, taxi o autobus. E' circa a un'ora e mezza dal porto di Mytilini, attraverso uno dei piu' interessanti e variegati panorami dell'isola. Il villaggio e' talvolta collegato alla Grecia continentale col servizio di traghetto. Se fermate a Eressos o state nella parte Ovest dell'isola c'e' una possibilita', sebbene il tardo orario di arrivo la renda piuttosto scomoda. Ma risparmierete 3 ore di traghetto e un'ora e mezza che ci vuole per guidare da Mytilini a questo capo dell'isola.

Il Castello Turco e' probabilmente la costruzione dell'uomo piu' di spicco. Costruito nel 1746 dal Sultano Memhet, questa fortezza e' protetta dal porto dove i Turchi lasciavano la loro flotta. Le pietre vengono da Sarmaisakh, in Turchia, pagate dalle pesanti tasse che furono imposte agli abitanti di questa parte dell'isola. Potete camminare attraversando la porta di acciaio e lungo i muri con un'impressionante vista del villaggio e del mare sullo sfondo.

La chiesa di Agia Triada fu inizialmente costruita come moschea. Ma diversamente dalle moschee che generalmente guardano alla Mecca, gli uomini che la costruirono la fecero guardare a Est. Sembra che nel 1870 i turchi sapessero che un vento di cambiamento era nell'aria, o forse i costruttori vollero fare prima. All'interno della chiesa una cisterna d'acqua che riforniva le navi del Sultano o forse il vicino hammam.

Il vecchio hammam (bagno turco) giace inutilizzato da quando gli ultimi turchi lasciarono l'isola nel 1923. Ci sono piani per riaprirlo, sebbene ci sia una disputa con l'attuale proprietario che sembra reticente. Se le parti interessate verranno ad un accordo, un bagno turco sarebbe un grande punto aggiuntivo per il villaggio.

L'isola di Nissiopi che protegge il porto dal mare aperto ha un grande numero di alberi pietrificati.
Sopra il villaggio il Museo di Storia Naturale di nuova fattura che mostra molti esempi di differenti tipi di albero trovati nella vicina foresta pietrificata. Il legno pietrificato non e' limitato alla foresta, ma puo' essere trovato in tutta la parte SudOvest dell'isola. Il museo e' ancora in fase di completamento, ma le esibizioni sono ben fatte e meritano una visita con camminata fino alla cima del villaggio, e troverete anche un cafe'.

A Sigri avete una citta' che e' tutto quello che una buona citta' turistica dovrebbe avere. Buon cibo, spiagge pulite, begli hotel, grandi ristoranti a conduzione familiare con pesce fresco, cose da fare e perfino uno o due negozi turistici con souvenir, e che ancora non e' eccessivamente battuta dai turisti. Sigri vale certamente (come minimo!) la pena di essere visitata per un pranzo e una nuotata. La taverna al molo della città chiamata Cavo di Oro (nella foto) e' uno dei migliori ristoranti dell'isola e l'aragosta alla taverna di pesce Remezzo per l'impressione che lascia ha fatto scrivere recensioni. Andateci. C'e' anche un eccellente ristorante italiano in citta'. La spiaggia cittadina e' gradevole, specialmente per famiglie con bambini, in cerca di altre famiglie con bambini. (Se avete figli capirete di cosa parlo :-) )
Le spiagge a Nord e a Sud tolgono il fiato e a seconda dell'ora del giorno potete averne una tutta per voi, persino in Agosto. Lo snorkeling a Sud della citta' fuori dalle rocce e' ottimo con ricchezza di pesce e anche qualche polipo. Seguite la strada sporca per Eressos per arrivarci.

La spiaggia a Tsichlioda e' alla fine di una lunga valle che sembra la tundra dell'Alaska. Potete arrivare vicino al mare ma potrebbe essere pericoloso per la vostra auto quindi procedete adagio. Sebbene non ufficialmente designata spiaggia per nudisti, non c'e' nessuno che vi fermera'. La spiaggia e' lunga circa mezzo miglio e al capo SudEst (a sinistra se guardate l'acqua) e' dove il fiume Tsichlioda sfocia nel mare. Ci sono frammenti e pezzi di legno pietrificato che potete trovare in mezzo alla sabbia e nella ghiaia sulla riva del fiume.
Il fiume e' affascinante e chi puo' sapere quale tipo di creature vivono sotto la superficie. L'area e' un paradiso per gli uccelli migratori ed e' raccontata nell'eccellente libro di Richard Brook "Birding in Lesvos". Ci sono alti alberi, erbe paludose e l'area e' molto verde anche d'estate. La riva del fiume e' un ottimo posto per picnic e probabilmente nel tardo pomeriggio per pescare nelle fresche acque. Potete perfino scoprire specie conosciute da fotografare, darle un nome e quindi ributtarlo in acqua.

Se continuate sullo sterrato che passa attraverso la parte di montagna quasi senza alberi e le valli sfocerete nel villaggio di Eressos.

Le spiagge a Nord di Sigri sono anche bellissime e non affollate. Le onde possono essere grandi quiquando il vento soffia da Nord. La spiaggia "Faneromeni" e' separata da una grande roccia che offre ombra, e occasione per tuffarsi se siete una di quelle persone che non amano la sabbia. Il fiume Tapsas non sempre arriva al mare, almeno non a luglio, ma se portate del pane probabilmente si affacerà qualche creatura in superficie, probabilmente una tartaruga d'acqua. Alla fine della spiaggia la chiesa di Zoedochos che e' costruita intorno a una roccia. L'intera valle e' ottima per camminare quando il clima non e' troppo caldo. Portate acqua con voi.

Sigri e' destinata alla popolarita'. E' prossima a Rafina e alle Cicladi, combinata con la sua naturale bellezza, grandi ristoranti, persone amichevoli e ampie sistemazioni la rendono una destinazione sogno per i viaggiatori che vogliono sperimentare le isole Greche senza tutte le fanfare del turismo di massa. Navi circa giornaliere, fra cui nuovi ferry ad alta velocita' che vi faranno percorrere il viaggio verso Rafina in 3 ore.

 
Molyvos


Molyvos, o Mithymna come era chiamata negli anni di mezzo, e' certo una cittadina stupefacente. Quando passate da Petra e seguite la strada costiera davvero rimarrete impreparati dalla suggestiva prima vista che avrete quando aprirete del tutto gli occhi.
Molyvos e' situata su una piccola montagna sormontata da un suggestivo castello medievale, costruito dai Bizantini e rinnovato dai Gattelusi di Genova che cedettero l'isola quando Francesco Gattelusi sposo' la figlia dell'imperatore Bizantino Giovanni Paliologos. Il castello originale che quello attuale sostituisce, fu conquistato da nessun'altro tranne Achille durante la guerra di Troia. Ci sono ancora antiche rovine sparse attorno alla citta' includenti muri poligonali impressivi e alcuni varchi giganti dove gli archeologi hanno iniziato il loro lento lavoro.

La citta' e' composta di case di pietra e negozi che circondano il castello e seguono la costa fino a uno dei porti piu' belli di Grecia. Entrando nel villaggio si nota un'intensa attivita' turistica, piu' di ogni altra parte dell'isola, certo non ancora delle proporzioni delle Cicladi. Ma piuttosto che terrificanti decine di motociclette, ci sono alcuni sofisticati carri, alcuni di questi trasportano libri di Mitologia Greca e Storie dell'Isola.

Penso che una delle cose che piu' apprezzo di Molyvos e' l'interesse dei turisti. Potete sedervi con uno di loro ed avere una piacevole conversazione a colazione.Molti di questi sono abitudinari e comprano casa qui.

C'e' una spiaggia pietrosa con un piccolo parco sotto al quale si trovava la fabbrica di olio d'oliva del villaggio e dove ora c'e' l'Olive Press Hotel, uno dei piu' interessanti sull'isola. Vivendo in America o in un moderno paese industrializzato e' forse difficile immaginare la trasformazione di un oleificio in hotel. Ma l'Olive Press e' un semplice, grande masso di pietra, cesellato in diverse stanze con un bel giardino interno, e un buon ristorante a picco sul mare. La spiaggia e' di sassolini ma una volta che affondate qualche passo vi sembrera' sabbia e ci sono poche spiagge che offrono la vista quando vi girate e guardate alla terraferma. C'e' una vista della citta' e del castello cosi' bella...dotatevi di una buona macchina fotografica!
C'e' qualche cafe'-bar in questa parte del villaggio e un economico hotel chiamato Trianna. Per evitare danni, non e' una buona idea parcheggiare nelle strette stradine di Molyvos. C'e' molto spazio appena fuori dal villaggio che e' ancora a breve distanza a piedi dalla maggior parte degli hotel e molti altri sul porto.

L'aspetto meno piacevole di questa parte del villaggio e' che durante l'estate e in particolare nei fine-settimana c'e' molto traffico di motociclette il cui suono puo' dare la sensazione di vivere nei pressi del circuito di Indianapolis.
Tutto il traffico sembra provenire dal piccolo bar fra Molyvos e l'Olive Press hotel.

Durante il giorno potete visitare la spiaggia che ha ricevuto la prestigiosa bandiera blu dell' UE per la pulizia e qui l'acqua e' rinfrescante, con posti all'ombra e sicuri per i bambini.

Molyvos di Notte

Per quelli che vogliono aggiungere alla loro rilassante vacanza una vita notturna, da Molyvos non rimarranno delusi. Ci sono molti bar in citta', qualche discoteca e qualche grande club in periferia e abbastanza persone giovani da renderla interessante. Un locale popolare fra gli stranieri e' Christine's, in basso a destra del porto, dove i proprietari irlandesi dicono di sapere il nome di ogni cliente che ha speso una sera nel loro pub. In effetti si dice che una parte della clientela viene a Molyvos con l'intento primario di passare serate a bere con gli amici, ma pure il pomeriggio e il tramonto vanno spesi in qualche modo! Le persone piu' tranquille non saranno annoiate dalla vita notturna, gli hotel sono generalmente sufficientemente lontani. Quelle persone che apprezzano una serata con Ouzo o vino e profonde conversazioni sulla vita, l'amore, Dio e altri argomenti importanti, anche troveranno molta compagnia. Se amate la musica greca suonata da talentuosi musicisti seguite Vangelis nei ristoranti in cui usa suonare, e alla fine della vostra permanenza probabilmente sarete abili nell'accompagnare nel canto la maggior parte delle canzoni.


 
Eressos


All'estremita' SudOvest di Lesvos i villaggi di Eressos e Skala Eressos. Il luogo natale della poetessa Saffo, la città con spiaggia di Skala Eressos, una Mecca per il turismo omosessuale ma anche una destinazione per famiglie, nonchè per i viaggi di nozze.
Ha una delle piu' belle e suggestive spiagge di Grecia e una schiera di cafe' e ristoranti frontemare che vi possono ricordare una cittadina marittima dell'Atlantico senza pero' lo stesso affollamento e propensione commerciale.

Le strade di Skala Eressos che circondano la spiaggia sono chiuse al traffico automobilistico e le persone possono camminarvi senza paura, e in totale sicurezza per i bambini. La citta' finisce sulla strada della spiaggia ma i cafe' e i ristoranti hanno costruito ripari di bamboo che si estendono sulla spiaggia cosi' potete sedere all'ombra e guardare i vostri bambini giocare nell'Egeo a pochi passi di distanza. Qualche hotel fornisce biciclette ai clienti, ma ad ogni modo potete affittarne nel villaggio a tariffe molto convenienti. Visto che Skala Eressos e' su terreno pianeggiante, pedalare e' facile. Potete anche andare a cavallo. Motociclette e automobili in affitto per visitare il resto dell'isola.

C'e' un lago pieno di centinaia di tartarughe, rane, pesci, strani uccelli e perfino cicogne, che fanno il nido nella torre del campanile della chiesa del villaggio. I bambini mettono da parte il pane rimasto e lo spargono nel lago e ai margini che quasi raggiungono il mare, le tartarughe emergono e mangiano dalle loro mani. La valle e' verde e fertile con percorsi e sentieri che vi permettono di camminare per ore, fra piccole fattorie, ville, orchidee, piccole chiese, antiche rovine, esempi di vita rurale, animali come pecore, capre, muli, mucche, tacchini, volpi, ricci, galline, e cavalli.

C'e' un piccolo porto di barche da pesca che fornisce abbondantemente il villaggio di pesce fresco. E' venduto nei ristoranti e fra questi gamberetti, sardine, deliziosi cefali rossi, tonno, pesce spada e pesci che probabilmente non avete mai visto ma dal gusto sublime. A differenza delle piu' famose isole Cicladi, il cibo di mare qua e' abbondante ed economico.
Anche cargo di pesce arrivano da tutta l'isola con altro pesce fresco che magari non e' disponibile nelle acque di Eressos. Come in molti luoghi a Lesvos, i ristoranti vanno orgogliosi dei loro preparati di sardelle e tonno qualita' "lakerda", acciughe, tutto pescato localmente. Ci sono anche donne pescatori, fatto non sorprendente nella citta' di Saffo.

Le persone sono amichevoli e generose e con semplice saluto (dite yasas, un ciao/salve piu' formale) potreste trovarvi sinceramente condotti in una conversazione sulla vostra vita nel vostro paese o sulla loro a Lesvos. Rimarrete sorpresi di quante persone parlano altre lingue, in particolare l'inglese. I signori seduti vicino a voi nei cafe' potrebbero aver speso 50 dei loro 80 anni a New York, Toronto, Montreal, e molto probabilmente Australia. Se guardate attentamente qualche volta potrete trovare dettagli che ve lo faranno notare. Probabilmente un cappellino da baseball della vostra squadra preferita. La cosa sorprendente e' che quello che a prima vista sembra un resort turistico e' effettivamente poco costoso, un autentico posto greco dove spendere le vostre vacanze. Immaginate la qualita' di Mikonos o di altre isole piu' conosciute, a una frazione del loro prezzo. Se volete, potete bere un cappuccino ad Eressos senza svenarvi. Potete mangiare pesce pescato sul posto, bere ouzo (il locale superalcolico all'anice) e guardare il tramonto sulla spiaggia. I bar sono abbordabili e i club sono abbastanza lontani dalla citta' cosicche' da dove alloggiate non sarete infastiditi dal rumore, pur essendo ancora vicini per raggiungere i divertimenti a piedi.

La spiaggia sull'altro lato del porto e' eccellente per lo snorkeling e la piccola spiaggia del porto e' utile per i giorni in cui il vento soffia forte e i vostri bambini cercano un posto riparato per nuotare.Pesce e calamari sono abbondanti lungo la costa. C'e' una piccola chiesa con panchine all'ombra dove potrete sedervi e rilassarvi a leggere, dipingere, meditare o scrivere. Oltre a questa c'e' un'altra spiaggia con ancora piu' privacy. Potete spendere le vostre giornate sulla spiaggia o camminare per ore nelle vallate verdi circostanti, fra fattorie e orchidee. Ci sono siti archeologici incluse le cave della poetessa Saffo e la vecchia chiesa di S.Andrea.

Nei cafe' ci sono stranieri che sono venuti per la storia, il luogo romantico, o giusto per stare vicino al mare e la conversazione non e' mai un problema, nemmeno farsi degli amici. Molti di questi sono ex-turisti che si sono innamorati del villaggio, e se non hanno comprato una casa tutta loro, tornano ogni anno stando in case o stanze affittate. Il bello di questo e' che cosi' hanno un posto dove tornare regolarmente per le proprie vacanze dove conoscono gente e dove per poche settimane all'anno i loro bambini giocano con quelli di altre persone diventate frequentatori abituali.

 
Plomari


A 42 Km da Mytilini sulla costa Sud di Lesvos si trova Plomari, la cpitale dell' Ouzo in Grecia, costruita a modo di anfiteatro vicino al mare, che e' la seconda citta' piu' grande dell'isola. E' qui che il famoso Ouzo Barbagianni e' prodotto come tante altre etichette piu' piccole come l'eccellente Giannatsi distillato con metodo tradizionale. Mentre e' bevendo l'ouzo piu' forte che molti degli abitanti sembrano preferire, gli abitanti di Plomaria hanno la reputazione di essere un po' matti e di vivere la vita al massimo delle loro possibilita'. Delle donne di Plomari si dice essere un po' testarde o per dirla meglio dalla forte volonta’ come questa rima che i bambini cantano insegna:

Stin Agiassou y Plomari
Oute yeneka
Oute mulari

(Da Agiassou o Plomari niente donne ne' muli)

Ci sono molte fabbriche di Ouzo e il Museo dell'Ouzo Barbagianni sulla via che porta alla citta' ed e' ovvio che la gente di Plomari va tanto fiera del proprio Ouzo. Nessuno sembra essere piu' orgoglioso di George Kabarnos e di suo figlio che hanno rilevato la tradizionale distilleria dell'Ouzo Giannatsi. Mentre molte delle altre compagnie dell'ouzo hanno venduto alle grandi e perlopiu' sacrificato alcuni dei loro metodi tradizionali nell'ordine di soddisfare la domanda, il signor Kabarnos ancora usa il vecchio macchinario di legno affumicato "kasani" per la distillazione. Il suo negozio giusto nell'area principale del mercato della citta' e' il migliore per comprare Ouzo da quando non molti cafe' fuori dal villaggio lo trasportano. E dove se non qui potrete avere una lezione (in Inglese o Greco) su come rendere l'Ouzo migliore e perche' l'Ouzo distillato e' il piu' salutare.

L'architettura della citta' e' piuttosto emozionante con grandi vecchie magioni e decadenti fabbriche, presse per olivi e taniche da spremitura immerse fra case di differenti forme, dimensioni, colori. La citta' si allunga su entrambi i lati di una gola che nella stagione piovosa ospita il fiume Sedountas. Alcune delle case sono costruite giusto sul fiume e i loro muri formano bancate che ne contengono il flusso. Plomari e' da ricordare in estate e spettacolare quando il fiume scorre giu' dalla montagna.

Plomari era originariamente sopra la montagna dove il bel villaggio di Megalohori ora si trova. Sia il villaggio montano che il porto furono distrutti dal fuoco dal 1841 al 1843, dopo cui la citta' che ora conosciamo come Plomari fu costruita e divenne un importante centro industriale e commerciale. C'e' un certo numero di fontane turche nel villaggio cosi' come molte case in srile architettonico turco e se venite qui in un giorno refrigerato potete spendere ore a camminare intorno guardando ai diversi edifici nei vari vicinati. Qualche volta Plomari mi ricorda Venezia senza acqua. Se e' un giorno caldo ci sono belle spiagge ad Agios Isidoros che e' una delle migliori aree dell'isola per nuotare, con sia sabbia che pietra e il mare aperto. Agios Isidoros e' effettivamente l'area dove la maggior parte degli hotel e' situata, incluso l'hotel di proprieta' americana "Pebble Beach" a picco sul mare e a breve distanza a piedi dalla citta'. Lo snorkeling fuori dalla costa di Agios Isidoros e' molto interessante grazie alle formazioni rocciose che sono come piattaforme sottomarine ricche di vita.

Ci sono alcuni grandi ristoranti in citta' e ovviamente molti cafe' che servono aperitivi e mezedes (antipasti) a giovani e meno giovani del villaggio cosi' come ai turisti. La zona principale per mangiare e' attorno al grande Platano attraversato il ponte sopra il fiume.
Ci sono molte chiese di sicuro interesse nell'isola compreso Agios Nikolaos, vicina al mercato, con le interessanti icone di S.Demetrios e degli Arcangeli Michele e Gabriele. La chiesa di Agia Paraskevis e' pure deliziosa con le sue icone in marmo bianco.

La citta' ha un attivo mercato e i suoi abitanti sono conosciuti per l'alto livello culturale, e si distinguono come pescatori e attivismo nazionale. Ci sono molti centri culturali inclusa la vecchia fabbrica di sapone che e' stata ristrutturata e l'edificio che ospita l'associazione culturale "Benjamin di Lesvos".
Ci sono molti Greci tornati dall'estero e l'inglese e' largamente parlato con una varieta' di interessanti accenti. E' difficile immaginare una citta' che combini la tradizionale cultura Greca con quella contemporanea come Plomari abilmente fa. Aggiungetevi l'architettura e realizzate che Plomari e' interessante tanto quanto Corfu o Hernioupolis a Syros.
10 Km a Nord il villaggio di Megalochori originariamente sito di Plomari e ora conosciuto come la Svizzera di Lesvos grazie alla sua altezza, clima salutare, orchidee e l'abbondante acqua. C'e' una splendida piazza con molti ristoranti e cafe'. Nella citta' trovate un certo numero di Greci Americani/Australiani/Africani, alcuni dei quali vengono per l'estate e altri che sono tornati nella loro casa natia per trascorrervi il resto della loro vita. La Piazza ha un vecchio platano che e' morto qualche anno fa ma che ora e' stato trasformato in una specie di santuario.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 6

Nostri Siti

Chios.com - guida turistica dell'isola di Chio in 12 lingue
Samos.net - tutto su di'isola di Samo
YouthTool - gioventù, programmi europei
Mathbook - e'learning portal con esercizi di matematica per i ragazzi
Schoolgames.gr - giochi online per tutti
School.gr - sull'instruzione in Grecia
Rocketwar - spettacolo annuale in Vrontados, Chios

Contattaci

lesvosisland.info Gruppo d'amministrazione

info@webmania.gr

Chios

Grecia

Webmania